LA DEMOCRAZIA DIGITALE

Incontro in ricordo di Stefano Gorelli

Venerdì 18 gennaio 2019 – ore 10.00

Sala della Lupa – Camera dei Deputati – Palazzo Montecitorio

In questi ultimi anni si sono andati moltiplicando esperimenti e forme di “democrazia digitale”: concetto, invero, ampio con cui si fa riferimento a una pluralità di procedure di partecipazione del demos alle decisioni pubbliche, il cui filo rosso è appunto costituito dall'utilizzo delle tecnologie digitali. L'esempio classico è quello del “voto elettronico”, ampiamente dibattuto dalla dottrina italiana già a partire dalla fine degli anni Ottanta, e che ha conosciuto ormai numerose sperimentazioni a livello europeo. Ma democrazia digitale non è più – ammesso che lo sia mai stato – sinonimo di voto elettronico, perché le tecnologie digitali hanno lentamente (e creativamente) pervaso lo spazio democratico al punto, per esempio, da strutturare i processi di riforma costituzionale, com'è avvenuto in Islanda e a Città del Messico. Né si può trascurare che attorno a piattaforme digitali sono nati e si sono sviluppati movimenti politici o partiti, il cui indirizzo politico e la cui selezione dei candidati alle cariche elettive vengono stabiliti attraverso la Rete. Obiettivo del seminario ISIMM è dunque tentare di ricostruire cosa sia la democrazia digitale nelle sue diverse declinazioni, ma anche i limiti e le prospettive. Si tratta di un tema che coinvolgeva e appassionava particolarmente il Prof. Stefano Gorelli, alla cui memoria è dedicato il seminario di studi.

 Presiede
Vincenzo Zeno-Zencovich (ISIMM – Università Roma Tre)

Apertura
Anna Alessi e Giuseppe Greco (ISIMM Ricerche)
Ricordo di Stefano Gorelli, studioso, promotore di cultura, amico

Interventi
Tommaso Edoardo Frosini (Università Suor Orsola Benincasa – Napoli)
La prospettiva del voto elettronico

Maurizio Franzini (Università di Roma La Sapienza)
Tecnologie digitali, potere economico e democrazia

Mauro Marè (Università LUISS)
Economia digitale e qualità dei saperi

Enrico Menduni (Università Roma Tre)
Politica e democrazia al tempo dei big data

Conclusioni
on. Riccardo Fraccaro, Ministro per i rapporti con il Parlamento e la democrazia diretta